La gipsoteca di Andrea Malfatti

Domenica, 03 Luglio 2016

La gipsoteca illustra lo studio e il lavoro che precedevano la realizzazione delle sculture definitive, trasmettendo al pubblico la sensazione di essere nell'atelier dello scultore tra la polvere dei modelli in gesso e alcune opere finite. In mostra si potranno ammirare anche due marmi, il Busto di Dante Alighieri, richiamo al sentimento di una patria italiana ancora sperata (opera stabilmente collocata al pian terreno della Biblioteca comunale di Trento) e l'esotica L'Egizia, velato riferimento a sorti di schiavitù indomita.
Il visitatore apprezzerà l'abilità scultorea del Malfatti nel trattare i materiali, in particolare nell'accostamento tra la levigatezza delle carni e la resa movimentata e tattile delle altre superfici.
La piccola ma suggestiva rappresentazione dell'opera di Malfatti a Cappella Vantini vuole essere l'inizio di un percorso narrativo che prosegue idealmente nel Cimitero Monumentale di Trento, dove è tangibile la presenza della sua arte nei cenotafi, ma anche in centro città con opere come la fontana del Bacchino in Piazza Pasi, la Fontana dei Do Castradi in Piazza delle Erbe, le statue dei Santi Pietro e Paolo ai lati dell'attico della facciata della Chiesa di S. Maria Maggiore.

Sono in programma visite guidate gratuite tutti i giovedì dalle ore 15.00

Opere in gesso e marmo

Quando dal 23 aprile al 3 luglio (chiuso il lunedì)

Orario 10.00-18.00

Dove Cappella Vantini (palazzo Thun), via Orne 1, Trento

Per info: Andrea Malfatti